Come capire quale sia il seggiolino compatibile con la nostra auto? Dettagli

Quale seggiolino auto scegliere? E quali sono poi i modelli compatibili con la nostra auto? Proviamo a fare chiarezza dando dei punti fermi a livello di informazione e di predisposizione a livello di legge.

I seggiolini auto sono elementi cruciali per non mettere a rischio i bimbi quando si va in auto. La sicurezza, per questo, è il primo elemento da valutare, ma sempre in punta di diritto. Scopri dunque tutto nel merito, per scegliere quello giusto e quello più sicuro e, soprattutto, quello compatibile con la tua auto.

Il seggiolino compatibile con la nostra auto

Come trovare il seggiolino compatibile con la nostra auto? Per legge i seggiolini auto devono essere usati fino a quando il bambino non supera i 150 cm d’altezza e si distingono in base

  • al peso (se omologati secondo la ECE-R44)
  • all’altezza (se omologati I-Size o ECE-R129).

Fare un acquisto corretto è vitale visto che si parla di sicurezza: nel nostro acquisto infatti ci sono alcuni fattori che portano a bocciare alcuni modelli, ma appena perchè il seggiolino omologato e utilizzato nel modo corretto fornisce senza alcun dubbio una protezione che è molto elevata rispetto al solo utilizzo della cintura di sicurezza dell’auto o peggio del non utilizzo di alcun sistema di ritenuta.

Seggiolini omologati, sicuri e compatibili

Si è soliti dire che esiste un seggiolino per ogni età. L’unico elemento  clou per sapere se nostro figlio deve viaggiare su un seggiolino è l’altezza.

In questo senso infatti si passa dal seggiolino alle sole cinture dell’auto quando il bambino giunge all’altezza di 150 cm. I seggiolini e le alzatine del gruppo 3 si usano dai 22 ai 36 kg, ma possono essere scelti anche dopo se il bambino non ha raggiunto i 150 cm, infatti le alzatine servono a far passare in modo congruo le cinture all’altezza giusta. Se, per via dell’altezza, non è più necessario il seggiolino per il tuo bimbo, occorre comunque sempre controllare per bene che le cinture siano all’altezza giusta, che non si slacciano o sfilano e che non scivolino.

Viaggiare sicuri con più seggiolini

Si può fare un viaggio sicuro anche con due soli seggiolini. In particolare dopo il primo per i neonati (gruppo 0 e 0+ fino ai 9 o 13 kg), si può optare per un modello “multi gruppo” (gruppo 1/2/3) che copre un lasso di peso molto ampio (da 9 a 36 chili). Ma in questo senso occorre aspettare che il piccolo raggiunga il peso giusto (dopo i 10 kg).

Nello specifico dunque occorre sapere questo: dopo un primo seggiolino I-size da 40-45 cm (nascita) a 105 cm (circa 4 anni), si può arrivare a usare  un seggiolino gruppo 2/3 (il bambino deve pesare almeno 15 kg). Ma occhio che non tutti i seggiolini I-size hanno modo di coprire lo stesso spazio di peso e cm, ci sono quelli che giungono solo a 75 o 83 cm (quindi circa ai 12 -18 mesi) e quelli che esordiscono appena dai 61 cm (cioè circa 3/6 mesi).

Il modo congruo di agire dunque sarebbe passare il più tardi al secondo seggiolino in modo da garantire al bambino di viaggiare il più a lungo possibile contro il senso di marcia. Per questione di struttura i bambini dovrebbero restare su seggiolini contro il senso di marcia per un lasso di tempo più ampio possibile: perché la loro testa è pesante quindi in caso di incidente il collo viene molto messo a rischio.

Per legge il bambino deve viaggiare in un seggiolino omologato, il seggiolino di Gruppo 1 rivolto in senso di marcia si può adoperare a partire dai 9 kg (circa 9 mesi). Nello specifico i seggiolini compatibili e omologati ECE R44 di gruppo 0+ permettono il trasporto di bambini fino a 13 kg (più o meno fino ai 2 anni), mentre I seggiolini I-size invece devono permettere di far viaggiare il bambino contro il senso di marcia almeno fino ai 15 mesi.

Costi, compatibilità e scelta migliore

Non farti condizionare dai costi bassi dei cuscini da rialzo (i booster – Gruppo 3 si possono usare  dai 22 kg quindi comunque non prima dei 6/7 anni circa) per quando il bimbo è già cresciuto un pò: non permettono la giusta protezione in caso di impatto occasionale e soprattutto di lato. Lo stesso lo si riscontra poi per i seggiolini del gruppo 2/3 usati senza schienale e poggiatesta.

Il principale consiglio è quello di seguire la crescita del bambino, optando un modello dedicato alla sua fascia di peso. Il seggiolino oltre che compatibile deve essere omologato: controllare che ci sia l’etichetta di omologazione sul retro o sulla base della struttura  è vincolante: essa è di colore arancione con la scritta ECE R44-03, ECE R44-04, ECE-R129.

Le norme di omologazione sono sempre più rigorose: dal 2017 infatti i nuovi prodotti omologati devono avere lo schienale fino ai 125 cm, alcuni seggiolini omologati prima di questo anno rispettavano già tali requisiti. Ma sotto i 125 cm di altezza è sempre obbligatorio far viaggiare i bambini con seggiolino con schienale? No, ma è più certo che si hanno garanzie di sicurezza maggiori. I prodotti omologati ECE R44 Gruppo 3 senza schienale ( le cosiddette alzatine) possono essere ancora vendute e usate.

Qual è la scelta migliore, quindi? Non esiste una soluzione definitiva per tutti: il seggiolino andrebbe acquistato e valutato insieme alla vettura e principalmente al bambino. In alcuni casi le cinture di sicurezza si rivelano troppo corte per ancorare il seggiolino in modo adeguato. Alcuni bambini che tendono a sfilarsi le cinture potrebbero preferire il cuscino ventrale, altri non sopportarlo

Meglio isofix, sicuramente, di tante altre soluzioni. I seggiolini dotati di agganci isofix permettono maggior stabilità e una garanzia migliore in caso di impatto sia frontale sia laterale. Inoltre sono ridotti i rischi di scorretta installazione del seggiolino. Una volta ancora il seggiolino alla struttura dell’auto il bambino deve essere protetto con le apposite cinture di sicurezza del seggiolino (gruppo 0+ e gruppo 1) o dell’auto.

Daniele Silvestri, giornalista freelance, esperto SEO e appassionato di tecnologia, informatica e prodotti settoriali in modo particolare inerenti al complesso ma affascinante mondo dell’e-commerce.

Già autore, editor e formatore in Academy, dedico il tempo libero all’approfondimento e alla ricerca delle innovazioni tecnologiche, cibernetiche e telematiche anche in ottica domotica, con una spiccata curiosità per tutto ciò che rientra nell’ambito della produzione di prodotti volti a rendere migliore e più fruibile la vita quotidiana di ognuno attraverso un sempre maggiore apporto della tecnologia.

Back to top
menu
Classifica Seggiolini Auto